Questo sito utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza e la qualità dei nostri servizi. Utilizzando questo sito l'utente accetta di utilizzare i cookie. Maggiori informazioni Nascondi

Christus / Christ

Bisogno di un albergo?

Link sponsorizzati

Itinerari nelle vicinanze

Places of Interest

Contenuti con corrispondenza

Hotel nelle vicinanze

Ristoranti nelle vicinanze

Link sponsorizzati

🔎
Culture
Location type: Culture
Location address: 1000, Brussels, 3, Regentschapsstraat / rue de la Régence
Numero di testi: 1
3 stars
Realizzato da Wizpr.guide | Reference Wizpr.guide | © All rights reserved
Realizzato da Wizpr.guide | © All rights reserved

SYMB 5100
“Il nero è il colore più essenziale” scrive Redon in ‘A sé  stesso’. Opera rivelatrice, di questo poeta visionario, affascinato dalla scienza, cultore e appassionato di letteratura. Il Cristo appartiene alla categoria di opere che Redon intitola “I Neri”, riferendosi ai suoi carboncini, alle incisioni e alle litografie eseguite dopo la guerra del 1870, quando ha affermato la sua individualità.
La figura del Cristo è relativamente rara nei suoi primi Neri, realizzati nel decennio tra il 1870 e il 1880, quando si profila una corrente di pensiero idealista. Redon moltiplicherà ulteriormente i suoi richiami al repertorio di rappresentazioni religiose – la figura di Buddha che si unisce a quella del Cristo – così adatto alla suggestione del mistero, all’evocazione di un clima di spiritualità, all’espressione di interrogativi di tipo metafisico.
Questo carboncino, eseguito secondo l’abitudine dell’artista su carta colorata, in questo caso gialla, ha preso, con l’aiuto del tempo e del fissante, un bel tono dorato. La materia vellutata, incisa a tratti, la profondità delle tonalità dei neri, la sfumatura creata dal gioco chiaro-scuro – derivante dalle decise opposizioni cromatiche – e della matita e della gomma, sono la testimonianza di una tecnica molto raffinata (Brita Velghe, ‘Musée d’Art Moderne. Oeuvres choisies’, Bruxelles, MRBAB, 2001, p. 58-59).
Translation by : Virginia Venieri (2010)

Classificare questo punto di interesse
Link ad un percorso

Maggiori informazioni

Commenti

Aggiungere commento