Wikipedia

Wikipedia

HomeItinerariLuoghi di interesse

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza e la qualità dei nostri servizi. Utilizzando questo sito l'utente accetta di utilizzare i cookie. Più informazioni Nascondi

Duomo di Padova

Pubblicità

cathedral

IT |

Pubblico | CatalanoFranceseIngleseSpagnoloTedesco

Risorsa: Zen41

Diritti d'autore: CC 3.0

La basilica cattedrale di Santa Maria Assunta è il principale luogo di culto cattolico di Padova e sede vescovile della diocesi omonima almeno dal IV secolo. Dedicata all'Assunzione di Maria ha la dignità di basilica minore ed è inoltre sede parrocchiale. Al suo interno si venerano i corpi di san Daniele, san Leonino e di san Gregorio Barbarigo. L'edificio attuale risale al XVI secolo e alla sua costruzione intervenne Michelangelo Buonarroti. Si affaccia su piazza Duomo. Accanto si innalza il complesso del Vescovado.
La prima cattedrale, edificata dopo il cosiddetto editto di Costantino sorgeva, secondo la tradizione, nell'area del sagrato attuale, nella zona segnata oggi da una colonna in pietra sormontata da una croce. Pare fosse originariamente dedicata a santa Giustina e in seguito ad una delle sue ricostruzioni o restauri la sede episcopale di Patavium associò ad un primitivo titolo quello di Santa Maria, conforme al culto della Theotokos legittimato dal concilio di Efeso. Sempre antiche fonti, riconducono alla figura del vescovo Tricidio la ricostruzione di una delle primitive chiese, verso l'anno 620 che poi venne ricostruita tra l'899 e il 900 perché ab Ungharis inflammata. Solo nel 1075 il vescovo Olderico consacrò una definitiva cattedrale, costruita sulle rovine delle precedenti. Per quest'ultima fase edilizia, gli storici tra i secoli XVII e XIX ipotizzavano un edificio con facciata posta a levante, dotato di una confessione e di una sottoconfessione nell'area absidale dove era posta la sepoltura del vescovo Tricidio la cui lapide, con rovine e nicchie fu portata alla luce durante lo scavo delle fondamenta dell'attuale facciata. All'epoca si trovò somiglianza tra i rovine ritrovate e l'abside della chiesa di Santa Sofia. Nel 1874 nel tentativo di innalzare un monumento al canonico Francesco Petrarca, furono ritrovati alcuni grossi macigni, giacenti tuttora alla profondità di circa tre metri, al lato est del sagrato. Questa basilica cadde nel famoso terremoto del 3 gennaio 1117.

Risorsa: Wikipedia.org

Diritti d'autore: CC 3.0

Più informazioni

Indirizzo

Padova
Italia

Di più su questo luogo di interesse

Itinerari nelle vicinanze

Canali correlati

Pubblicità

© 2006-2018 RouteYou - www.routeyou.com