Wikipedia

Wikipedia

HomeItinerariLuoghi di interesse

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza e la qualità dei nostri servizi. Utilizzando questo sito l'utente accetta di utilizzare i cookie. Più informazioni Nascondi

Tabernacolo di Borgo la Croce

Pubblicità

POI

IT |

Pubblico

Risorsa: Sailko

Diritti d'autore: CC 3.0

Il tabernacolo racchiude una pittura murale realizzata nel 1714 da Giuseppe Moriani, di insolita iconografia e di grande valore storico, con il Cristo crocifisso in atto di scendere dalla croce esortato da Maria che, inginocchiata al suo lato, guarda verso i passanti. Il soggetto trova significato tenendo presente come lungo questa strada passassero i condannati a morte dopo il 1531 a causa della chiusursa della Porta San Francesco o Porta della Giustizia che portava ai Prati della giustizia. Dopo il 1531 per recarsi al luogo delle esecuzioni capitali, spostati nell'attuale piazza Beccaria si passava da Borgo la Croce e di fronte a tabernacoli come questo, alle chiese, agli oratori ubicati nel loro estremo tragitto, i condannati a morte erano costretti a fermarsi a meditare e pregare, assistiti dai confratelli della Compagnia di Santa Maria della Croce al Tempio, che come sotto compagnia aveva i Battuti de' Neri che si occupavano proprio di preparare cristianamente al trapasso i condannati, vegliandoli, accompagnandoli e confortandoli prima dell'esecuzione.
La compagnia aveva la sua sede originale nell'Oratorio di Santa Maria Vergine della Croce al Tempio in via San Giuseppe ed il primitivo percorso dei condannati passava infatti per via dei Malcontenti ; la chiusura della porta della Giustizia però, per via della realizzazione di un forte voluto dal duca Alessandro, rese necessario un percorso diverso, che attraversava la porta alla Croce e il relativo borgo. Il 15 luglio del 1531 i Capitani del Bigallo con atto redatto da Bartolomeo d'Antonio donarono il complesso alla Compagnia di Santa Maria della Croce al Tempio, di cui facevano parte i Battuti Neri lo spedale di San Niccolò degli Aliotti al Ponte al Rubaconte . Questa fu la nuova sede della Compagnia fino al 1785 anno in cui la Compagnia cessò di esistere per soppressione di Pietro Leopoldo per la legge generale del 21 marzo che abolì la pena di morte. Nelle case vicine alla nuova sede della Compagnia abitava il carnefice.

Risorsa: Wikipedia.org

Diritti d'autore: CC 3.0

Più informazioni

Indirizzo

Firenze
Italia

Di più su questo luogo di interesse

Itinerari nelle vicinanze

Canali correlati

Pubblicità

© 2006-2018 RouteYou - www.routeyou.com